UN BRINDISI AL FUTURISMO – Ricette per festeggiare con Marinetti &Co.

febbraio 20th, 2016 by Circolo Futurista Incursioni Futuriste
Condividi questo articolo

Nasce oggi, 20 febbraio di qualche anno fa (1909) il Futurismo, ardito movimento assoluto dell’esistente e dell’esistenza.

In testa ai fautori del movimento Filippo Tommaso Marinetti, reso celebre per le molte memorabili cazzottature con cui ha difeso e imposto, in Italia e all’estero, contro i nemici indigeni e stranieri, i diritti delle energie artistiche prorompenti delle giovani generazioni italiane del XX secolo.

Marinetti vuole dimostrare che un italiano è superiore agli altri e per questo accetta qualunque sfida gli si presenti davanti.

Il Futurismo ha trasformato ogni aspetto della vita, compreso il momento del “passatempo” ed è così che, sotto questo movimento, i cocktails sono diventati POLIBIBITE, i sandwich TRAIDUE, il dessert PERALZARSI, il picnic PRANZOALSOLE.

Marinetti e le sue Polibibite

Ed è proprio con le INVENTINE (polibibite rinfrescanti e lievemente inebrianti per trovare idee nuove) che festeggiamo oggi i nostri mentori assoluti, ridendo con loro dei passatisti fatali, snob, sognatori, nostalgici, ipocriti e bigotti stupidamente e culturalmente “sofisticati”, ma così tanto “sofisticati” che non si riescono a comprendere tra loro.

Ma non vogliamo scegliere per voi la polibibita più vicina al vostro palato quindi vi presentiamo alcune miscele:

AVANVERA (3cl vermouth rosso; 3cl di distillato di vino arzente Poli o brandy, 1cl Strega);

BRUCIO IN BOCCA (whisky, Strega, alchermes, vermouth, latte e miele, amarene, pepe);

DECISIONE (2cl di vino chinato, 2cl di Barolo bollente, 2cl succo mandarino, 2cl rhum scuro invecchiato);

GIOSTRA D’ALCOL (6cl Barbera d’Asti, 3cl di Campari, 3cl Cedrata Tassoni);

LE GRANDI ACQUE (1,5 cl grappa, 1,5 cl Gin, 1,5 cl kummel o infusione di cumino mediterraneo, 1,5 cl liquore all’anice infuso);

ROSA BIANCA (2cl Campari, 2cl liquore alla rosa bianca damascena Origine, 4cl succo arancia filtrato, gocce di anice forte, anice stellato come decorazione gallegiante);

SNEBBIANTE (3cl liquore all’artemisia absenthium, 3cl liquore di rabarbaro, 3cl grappa secca).

Tante altre ne esistono come il Prestoinletto (polibibite riscaldanti invernali), Paceinletto (polibibite sonnifere) e Guerrainletto (polibibite afrodisiache e fecondatrici), ma tocca a voi scoprirne le componenti che potrete trovare in “La cucina futurista” di Marinetti e Fillia.

Festeggiamo così Marinetti quale esaltatore repentino della cucina italiana che è “semplice e schietta ed ha in orrore le salse, le creme, le purées fatte per gli stomaci raffinati” (raccontano i suoi migliori amici Corra e Settimelli), ricordando una delle sfide da lui accettate.

In Russia un principe, che aveva la fama di possedere uno degli organismi più allenati all’alcool di tutto l’impero, sfida l’Avanguardista a chi riesce a bere più chamagne. Marinetti, quasi astemio, vuole comunque dimostrare quella superiorità italiana sopra citata e accetta il guanto di sfida lanciato.

La sfida finisce con la sconfitta decisiva del principe, che cade a terra come fulminato, mentre Marinetti riesce ad andar via magnificamente equilibrato e sulle proprie gambe.

Mari Anetta

Fortunato Depero

8 anni di Romanticismo e Azione: le foto di una serata indimenticabile

marzo 31st, 2015 by Circolo Futurista Comunicati Eventi Incursioni Futuriste
Condividi questo articolo

23 Marzo 2007 – 23 Marzo 2015: la Bellezza s’incarna nella Lotta, la Bellezza hai nostri occhi e la nostra voce!

ore 19.00: arrivano i primi ospiti da tutta Italia per festeggiare con noi 8 anni di storia. Il sole è appena al tramonto, ma l’attesa è già alle stelle, come la curiosità per il nuovo logo che verrà presentato durante il corso della serata, insieme alla nuova insegna, ancora coperta da un sipario bianco…

11073318_10153251384522835_5260116430261746837_n

Tutti parlano di noi… proprio tutti!

11084306_10153258738907835_6058856782431616259_n

La serata inizia con un brindisi più che significativo: si festeggia l’acquisto e l’apposizione definitiva dell’opera Esodo, abbandonata dalle Istituzioni e recuperata dal Circolo Futurista, grazie al contributo fattivo della squadra di Rugby Fiumana, presente in uniforme da gioco.

11043309_1569999923251604_974097166404536457_o

Finalmente si scopre la nuova insegna!

11057793_1569999699918293_4436903636111049887_o

Tutti aspettano con il fiato sospeso l’ultima scena del filmato che ripercorre 8 anni di attività sul territorio per scoprire…

10863866_1570000529918210_8936053431122228736_o

il nuovo logo!

DEFINITIVO

La serata continua in compagnia dell’ottima musica dei Carglass

11080293_1570001753251421_3777723136116026801_o 11092615_1570003733251223_2288754330350914379_o(1)

…e dei Bronson!

10956467_1570003013251295_8272562191454521250_o 10688320_1570003026584627_5740668880371661308_o 10845877_1570003223251274_3346601542839134096_o

11078090_1570003589917904_4113208652046215215_o

La Bellezza è (sempre) nell’Azione!

 

Roma: autoemoteca ’sfrattata’ dal Pd, protesta CasaPound in aula Municipio V

ottobre 5th, 2012 by Circolo Futurista Comunicati Incursioni Futuriste
Condividi questo articolo

527778_10151097725192842_1089553313_n

Roma, 4 ottobre – ‘Tasche piene, sacche vuote‘. Questo lo striscione che i militanti di CasaPound Italia hanno aperto nell’aula consiliare del Municipio Roma V mentre era in corso l’assemblea per protestare contro quanto avvenuto una ventina di giorni fa in piazza Santa Maria Consolatrice a Casal Bertone, dove un’autoemoteca dell’associazione AdSpem del Policlinico Umberto I, che stava effettuando la raccolta del sangue, è stata ’sfrattata’ per fare spazio alla festa del Pd, dove nel pomeriggio era atteso a parlare il presidente della Provincia di,Roma Nicola Zingaretti.

”Abbiamo chiesto a ognuno dei consiglieri del Municipio di venire a donare il sangue per ‘compensare’ quello che i cittadini del nostro quartiere non hanno potuto offrire il 15 settembre scorso per colpa dell’arroganza del Pd locale – spiega Mauro Antonini, responsabile del Circolo Futurista Casal Bertone – La stessa richiesta la facciamo a Zingaretti: il presidente della Provincia di Roma, lo stesso che ha ritenuto opportuno spendere 263 milioni di euro di fondi pubblici per acquistare la nuova sede dell’ente che sta per abbandonare a favore della corsa alle Regionali, dimostri di non essere interessato solo alla propaganda e di avere a cuore gli interessi dei cittadini e dei malati e venga adonare il sangue il 20 ottobre a Piazza Vittorio, in occasione della giornata nazionale organizzata da CasaPound Italia ”.

info: 3478057510
www.casapounditalia.org
www.radiobandieranera.org

61458_10151097723182842_440291712_n
548760_10151097723852842_1163777437_n

Il Circolo Futurista Festeggia i suoi 5 Anni > Serata in Omaggio a Baffo Jorg

marzo 2nd, 2012 by Circolo Futurista Eventi Incursioni Futuriste
Condividi questo articolo

CFCB-5-anni
Il Circolo Futurista compie 5 anni!

E per l’occasione invita tutti i suoi amici e gli amici degli amici alla sua festa di compleanno che si terrà questo venerdì 23 Marzo alle ore 19:00 nei suoi locali (Roma – Casal Bertone – Via degli Orti di Malabarba, 15/a).

La festa sarà interamente dedicata a Baffo Jorg, amico del Circolo Futurista, venuto a mancare lo scorso 6 Marzo. Baffo era la figura più importante della scena Metal capitolina e il Circolo gli renderà omaggio proponendo a tutti gli ospiti il suo piatto preferito: salsiccia e birra! Il tutto accompagnato da tanta buona musica Metal!

La festa terminerà al Circolo intorno alle 22.00 ma poi la serata continuerà ancora tutti insieme fino a sera tardi in uno di quei locali tanto amati da Baffo…!

Per festeggiare i 5 anni del Circolo Futurista e per ricordare tutti insieme Baffo Jorg… Ti aspettiamo!

INGRESSO GRATUITO

 

TURBODINAMISMO per GARIBALDY

febbraio 25th, 2011 by Circolo Futurista Incursioni Futuriste Video
Condividi questo articolo

gari

 

“Che sarebbe successo se il Risorgimento
fosse avvenuto in Messico?”

è una domanda che ci assilla da quando siamo nati, da quando nemmenomeloricordo
ma c’assilla,come ogni annosa questione che si rispetti

Allora abbiamo iniziato a girarci intorno, non dormendo la notte stappando a rota cose prese in offerta al discount, 2 euri 2 litri co l’eternit a fodera urlando come pazzi tra mura fatte tipo geometrie di lovecraf sfogliando pisacane e le memorie di caprera e insomma tutte queste cose qua, un po’ per darci delle risposte un po’ per darci un tono

e siamo giunti a una conclusione rilevante: la camicia rossa e la camicia nera possono convivere col poncho tricolore. MACHETE Y MOSCHETTO

in pratica e breviter, in occasione del 150esimo anniversario di quando Garibaldy si ferì alla gamba nell’esplosione della macchina quella pe’ fa’ la granita

L’OMAGGIO DEL TURBODINAMISMO PER I 150 ANNI DELL’UNITA’ D’ITALIA

Turbodinamismo Death Crew

FUTURISMO 2010: I “distruttori di certezze” del XXI secolo tra terreni virtuali e territori reali

marzo 1st, 2010 by Circolo Futurista Incursioni Futuriste
Condividi questo articolo

Velocità, dinamismo, provocazione. Ma soprattutto negazione del passato e rottura continua col presente. Questi erano i comandamenti indicati da Filippo Tommaso Marinetti, drammaturgo, poeta e scrittore italiano, caposcuola e nume tutelare dell’Avanguardia futurista nata nel 1909 con lo storico Manifesto pubblicato sulla prima pagina del quotidiano parigino Le Figaro.
Anno 2005, un nuovo colpo d’acceleratore viene dato al movimento che sembrava, secondo alcuni, ristagnare nella contemplazione del proprio passato.
Anno 2009, “DOBBIAMO UCCIDERE IL FUTURISMO!” titolano i nuovi attivisti sul loro ultimo Manifesto e dichiarano: “Buttare nel secchio i nostri padri è un operazione igienica!”.
E anche la definizione Neo-Futuristi non sembra essere sufficientemente innovativa. Netfuturisti è l’aggettivo con cui preferiscono descriversi: la loro nuova modernità è nella rete che consente di condividere e diffondere con dinamismo e velocità le idee, rimanere costantemente collegati e coordinare le attività e le azioni da svolgere sul territorio.
Www.netfuturismo.it : la direzione di questo movimento, che considera l’arte il miglior mezzo per fare attivismo sociale, è quindi affidata ad un sito internet, che funge da punto di riferimento. Al suo interno gli attivisti dialogano fittamente attraverso i GSPPN (Gruppi di Sviluppo Permanente del Pensiero Netfuturista), un particolare forum appositamente inventato. Questo consente di avere, come lo definisce Antonio, uno degli amministratori e fondatori del sito, un “cervello collettivo” che permette di tenere costantemente aggiornata tutta la comunità.
Oltre il cervello c’è, però, un corpo ben definito che opera sul territorio e cerca di scuotere presentisti e passatisti del mondo reale. Una serie di Circoli e di Associazioni Culturali si coordinano tramite la rete per organizzare attività futuriste: esposizioni, istallazioni temporanee e non, eventi teatrali, musicali, di rumorismo e poesia. Attirare l’attenzione sconvolgendo gli spettatori è il metodo che usano per comunicare il messaggio. Tra di loro spesso compaiono, più o meno dichiaratamente, anche sezioni di Casapound Italia, che pur mantenendo una connotazione molto politicizzata, si sforzano di collaborare nell’impegno culturale.
L’Agro Pontino è il territorio a cui i Netfuturisti sembrano essere più legati. Qui il background culturale è segnato dall’assenza di radici antiche e dall’impronta fascista lasciata nei borghi di nuova fondazione: i simboli del Ventennio, monumentalizzati nell’architettura Razionalista, sono molti e connotano anche l’urbanistica. Per questo espressioni sociali e culturali di quello stesso periodo trovano terreno fertile nel tessuto di nuove e vecchie generazioni. Non sorprende, quindi, che Latina ospiti una sezione di Casapound molto attiva politicamente ma neanche che il territorio della sua Provincia sia stato luogo della maggior parte dei più importanti eventi organizzati dai Netfuturisti. Tra Anzio e Nettuno, per esempio, una rassegna d’arte Contemporanea, intitolata Satelliti, si è svolta come mostra collettiva di trenta autori locali e si è protratta per tutto il mese di settembre 2009. A Sabaudia il 20 febbraio dello stesso anno, nei locali del Museo Civico Emilio Greco, si è tenuta, per il centenario della pubblicazione del primo Manifesto futurista, una performance dal titolo Rigenerazione Futurismo/sta, composta dall’unione di video, concerti e testi. A Latina, sempre per lo stesso anniversario, c’è stata la mostra fotografica L’Obbiettivo Futurista: fotodinamismo e fotografia. Organizzata nel Circolo Cittadino, è stata accompagnata dalla presentazione di un libro dedicato a Marinetti, dalla proclamazione di aeroepoesie con intermezzi di aerodanza e da una conferenza sul nuovo abbigliamento futurista. ‹‹L’evento era progettato per essere itinerante tra Reggio Calabria, Cagliari e Brescia ma anche la città di Latina ha voluto fortemente ospitarlo›› spiega Massimiliano Vittori, curatore del catalogo della mostra.
I Netfuturisti non si sono, però, inseriti solo in zone naturalmente favorevoli ma anche in territori meno sensibili alle loro ideologie. A Roma, per esempio, non si limitano a sfruttare per i loro eventi la monumentale cornice razionalista del quartiere Eur ma cercano di penetrare anche le borgate storicamente legate alla politica e alla cultura di Sinistra: provocazione e rottura con passato e presente in perfetto stile marinettiano. Si può trovare, così, un circolo futurista, nodo importante per la direzione degli eventi sul territorio di Roma, in un quartiere come quello di Casal Bertone che, posto nel Municipio V, iniziò ad essere densamente popolato solo dal 1926 con l’approvazione del Piano regolatore di Edomondo Sanjust Teulada. Questo prevedeva la costruzione di numerosi edifici popolari da assegnare alle famiglie degli operai che lavoravano nella vicina stazione Tiburtina. Conferma di un background culturale legato al Comunismo è anche la presenza di un centro sociale, chiamato Strike e frequentato da giovani di estrema Sinistra, e di un circolo di forte impronta Socialista, detto MPC (Magazzini Popolari Casal Bertone), che occupa i vecchi locali di stoccaggio dei viveri distribuiti ai più poveri dopo la Seconda Guerra Mondiale.
Gli attivisti del Circolo Futurista Casal Bertone si propongono di far filtrare un movimento d’avanguardia che, attraverso l’arte, possa dare una scossa alla coscienza di un quartiere che, secondo loro, sembra ristagnare nella contemplazione del suo passato. ‹‹Siamo dei distruttori di certezze›› afferma Mauro Antonini, fondatore e presidente del Circolo. Così, partendo dall’assioma futurista, che implica che l’arte non sia solo un semplice esercizio stilistico ma preveda sempre un impegno sociale, nel Circolo si organizzano diversi eventi culturali come mostre fotografiche e istallazioni d’arte plastica e pittorica, concerti di musica e rumorismo, presentazioni di libri e conferenze. Tra gli eventi più recenti spiccano una conferenza sul cantante Rino Gaetano – Rino Gaetano. Una voce fuori dal coro – e una rassegna poetica, pittorica e teatrale, intitolata Futurardita. Donne, Azione, Futurismo, a cui ha partecipato, tra le altre, anche Francesca Barbi Marinetti, nipote del fondatore del Movimento. Particolarmente attivi sono, all’interno del circolo, il gruppo Giovani Poeti d’Azione e quello del Teatro Non Conforme Filppo Tommaso Marinetti. Edoardo Sylos Labini, attore e regista teatrale, famoso anche per aver interpretato il primo ruolo gay in una soap opera italiana, fa parte di quest’ultimo. Spiega che il tipo di performance a cui è più legato è quello fatto nei vagoni dei treni. ‹‹Sono simbolici dell’Avanguardia del secolo scorso e l’improvvisazione teatrale a sorpresa tra gente ignara, magari parlando di argomenti scottanti, produce uno sconvolgimento molto futurista››.
Il quartiere di Casal Bertone, ha accolto bene il Circolo Futurista, come sostiene Fabrizio, 28 anni, segretario del gruppo, spiega come l’appartenenza a Casapound non debba essere negata poiché il Circolo è nato come distaccamento della sezione centrale di via Napoleone III. ‹‹Siamo i raggi di sole di Casapound›› afferma. ‹‹Ma siamo solo l’espressione artistica di quella realtà politica, non ci interessa fare attivismo in altro modo››.  A lui fa eco Mauro, il presidente, che di anni ne ha 31 e mostra fiero i suoi tatuaggi: racconta di come sin da bambino sia stato sempre interessato all’arte e abbia trovato nel Futurismo l’espressione che più lo soddisfaceva. ‹‹Ho capito che l’arte deve prevedere impegno sociale e democratizzazione totale››. Per questo da quando, tramite Casapound, ha avuto la possibilità di aprire un Circolo, cerca di fare il possibile perché la cultura sia l’unica forma di attivismo del Circolo, senza che questo diventi, però, un salotto di borghesi e intellettuali. Dicono di non essere dei sostenitori della dittatura Fascista ma di Mussolini come leader del Socialismo Rivoluzionario e quindi del periodo precedente il ventennio fascista, quello del quale il Futurismo fu, appunto, la massima espressione culturale››.
Chissà quanti riescono a vederli con questa luce, intanto il seme è stato gettato e Giulia, frequentatrice del Circolo, fa notare: ‹‹Quando la gente del quartiere comprenderà che la nostra attività è legata solo all’avanguardia artistica, si aprirà molto di più alle nostre iniziative. Già da un paio di anni ci accettano con tranquillità e sono certa che c’è da essere fiduciosi››.
Il suo sorriso radioso sembra la conferma dell’ottimismo con cui i nuovi futuristi procedono: veloci, dinamici, provocatori. Oltrepassando le loro radici e cercando di superare il futuro stesso.

v